Archivio di ottobre 2011

Detox

 

-  Buongiorno, mi chiamo Elisa e faccio parte di un GAS
(in coro) Buongiorno Elisa
-  Oggi sono 3 mesi e 4 giorni che non entro in un supermercato
Brava!! (applausi) Brava… (sguardi di ammirazione)

Scherzo, ovviamente, ma da quando faccio parte di un GAS, al supermercato ci vado sempre di meno, e conto di arrivare ad evitarlo, fra un po’.

Sì, perché credo che il problema stia proprio lì, nella grande distribuzione.
Perché compro un pomodoro (tutti uguali, lucidi, perfetti e spesso insapori), e non so che storia c’è dietro.
Non so da dove arriva, chi l’ha coltivato, quali agenti chimici ha utilizzato, quanto ci ha guadagnato lui e quanto tutti gli intermediari (di solito tanti) che ci stanno in mezzo, con quale criterio è stato scelto quel produttore e non un altro. Leggi il resto di questo articolo »

Biscotti alle nocciole


Ho comprato l’aggeggino per scrivere sui biscotti.
Lo so, da adesso in poi cercherò di stampigliare su tutto lo stampigliabile esistente!!
Come vedete dalla foto ne sono già venuti fuori degli oggetti carini, dei fiorellini fatti di… pasta di farro. Sì lo so, sono ossessionata, sto mettendo il farro dappertutto. Il fatto è che volevo provare a fare questa pasta modellabile tipo didò fatta con farina e sale ma non avevo in casa farina bianca, allora ho ovviato  con farina di riso e di farro, ma questo sarà oggetto di un altro post, a breve. Leggi il resto di questo articolo »

Sugo pomodoro e cavolfiore


Ieri sera.

Io volevo cucinarmi una pasta al sugo di pomodoro.
Semplice, magari con un piccolo trito di verdure come soffritto.

Ale voleva mangiare del cavolfiore.
Sì, mio figlio ha 4 anni appena compiuti e uno dei suoi cibi preferiti è il cavolfiore. Sono una mamma fortunata :)

Quel pezzo cavolfiore, in frigo, stava chiedendo pietà. Leggi il resto di questo articolo »

Pesto di mandorle e salvia


Quando posto una ricetta mi piace parlare della sua “storia”.
Di come è nata la curiosità di cucinare proprio quello, nel vastissimo panorama di tutto-ciò-che-potrei-cucinare, di come il piatto ha preso vita, della reazione che ha suscitato in famiglia.
Spesso mi ritrovo a sentir parlare dello stesso piatto per due o tre volte nel giro di pochi giorni, quando magari non lo avevo sentito nominare per anni o addirittura non lo conoscevo: in quel caso lo devo cucinare, per forza. E poi lo devo postare corredato di impressioni e di quello stupore che mi prende sempre quando le cose sembrano volersi imporre alla mia attenzione. Vi capita mai?
Leggi il resto di questo articolo »

Il cake che sa di autunno


È arrivato l’autunno.
Almeno così dice il calendario, da un paio di giorni c’è pure scritto Ottobre.
E sì, qualche fogliolina gialla la si vede anche, la mattina una bruma leggera ricopre il prato qui di fronte… ma nel pomeriggio siamo ancora quasi sui 30 gradi.
Sembra che quest’anno luglio e settembre si siano scambiati di posto (a luglio mi ricordo che un paio di notti un furtivo piumino si era fatto strada sul nostro letto).
Questa tempistica così sconvolta è stata perfetta per me, che a luglio avevo un gran pancione e ogni raggio di sole diretto era una sofferenza, mentre adesso ho i miei due pupi (grande + piccolo) da scarrozzare in giro :)
In conclusione… godiamocela finché dura! Leggi il resto di questo articolo »