Archivio di gennaio 2012

E gli abbracci si trasformano in fiori…

… che sbocciano dalle mie mani, in rotelle che corrono via.

L’idea, dopo il grande successo che hanno avuto, da noi, le Macine fatte in casa, era quella di riprodurre anche gli Abbracci del famigerato Mulino, secondi nella top ten del pargolo.
Ma quando mi sono ritrovata fra le mani i due impasti, uno quasi candido, l’altro scuro scuro, dopo la prima decina di esemplari di abbracci la mia fantasia ha cominciato a vagare, la mia impazienza ha preso il sopravvento e mi ha impedito di continuare oltre con quell’attività che era già – dopo 10 minuti! – diventata noiosa, e questi fiori sono nati da soli, dalle mie mani. Leggi il resto di questo articolo »

La vellutata di lenticchie

Con questo post festeggio il fatto di poter tornare a mangiare legumi!
È che in certi momenti una se li deve cercare, i motivi per festeggiare.
Allora, partiamo dall’inizio. Sei incinta e non puoi mangiare: carne cruda e salumi crudi per la toxo, uova crude per la salmonellosi, sushi e pesce crudo per il rischio di intossicazione, formaggi non pastorizzati per la listeriosi, non puoi bere alcolici (almeno non nelle quantità desiderate), e se sei estremista finisci per non mangiare più frutta e verdura cruda, non bere caffè, non avvicinare i gatti, sia mai che uno sia infetto… Leggi il resto di questo articolo »

Cioccolata fatta in casa

 

Avete mai pensato di fare la cioccolata home made, invece di usare le bustine azzurre?
A me ogni tanto prende quel trip lì di provare a cucinare cose che generalmente si trovano già pronte, e siccome avevo in casa una gran quantità di cacao amaro in polvere (mai, mai, mai lasciare che il disordine prenda il sopravvento nella dispensa, si rischia di comprare tutto triplo o quadruplo!), ci ho provato.

Leggi il resto di questo articolo »

Sugo rosso al tonno


Ed eccolo qui, il grande classico.
Classico di casa nostra, intendo. Questo è il sughetto con cui Lui mi ha convinta che tra i fornelli ci sapeva fare. E io a pensare: oh, finalmente un uomo appassionato di cucina come me, chissà quali manicaretti mi aspettano!
Sì… sono ancora qui che aspetto.
Per adesso sono usciti dalla cucina solo questo piatto e una fantastica frittata. Buonissimi, eh, ma in quanto a varietà siamo un po’ scarsi (ah, come mi piace prenderlo in giro sul blog – che lui dichiara di leggere, fra l’altro, e guai a voi se qualcuno lo avvisa :)) Leggi il resto di questo articolo »

Home Made Macine


Inauguriamo la sezione “autoproduzione” con una ricetta che non mi sarei mai aspettata di fare, le Macine del Mulino Bianco!
Il fatto è che il quattrenne di casa  è in una fase di dipendenza nei confronti dei malefici biscotti… (avranno mica  scambiato la culla alla nascita? forse con un bambino che ogni mattina – invece – implora la mamma di sfornare deliziosi biscotti fatti in casa!!).
Comunque, in realtà quello che piace ad Ale non è il sapore, ma la forma. Prende la Macina, la pucia nel tè e poi se la infila in bocca intera.
A fatica certo, ma ce la fa.
Nessun altro biscotto gli dà la stessa soddisfazione.
E non c’è verso di convincerlo che si può anche spezzarla a metà prima di mangiarla, non esiste.
Leggi il resto di questo articolo »